Articolo 27 della Costituzione italiana - IURISPEDIA.COM

Breaking

Home Top Ad

Post Top Ad

lunedì 23 ottobre 2017

Articolo 27 della Costituzione italiana

L'articolo 27 della Costituzione, stabilisce un fondamento anche del principio della legge penale, stabilendo che é di carattere personale, e un ulteriore principio altrettanto importante che é quello di non considerare colpevole l'imputato fino alla condanna definitiva, concetto alquanto scontato dato che non é possibile addossare la causa di un reato a un soggetto fintanto che non sia considerato colpevole.

Il terzo comma viene vietata la costrizione della libertà personali con mezzi che vanno a ledere l’iùumanitá, quali la tortura e la pena di morte, nel nostro paese abolita nel 1944, che trova specifica menzione nel comma 4 di questo stesso articolo, con decreti legislativi 22 gennaio 1948 numero 21 e decreto legislativo 22 gennaio 1948 numero 22 e di recentissima stesura il reato di tortura disciplinato dall’articolo 613 bis del Codice Penale. 

Infine sul finire del comma 3 viene racchiuso il concetto rieducativo della pena, anche questo molto importante nel diritto penale


Ecco il testo: 
La responsabilità penale è personale.

L'imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva.

Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato.

Non è ammessa la pena di morte.

Se vuoi consultare gli altri articoli della Costituzione, accedi all'area dedicata qui, oppure cerca dalla barra di ricerca.

Post Bottom Ad

Pagine