Articolo 13 della Costituzione italiana - IURISPEDIA.COM

Breaking

Home Top Ad

Post Top Ad

domenica 17 settembre 2017

Articolo 13 della Costituzione italiana

L'art. 13 della Costituzione, prevede la salvaguardia della libertà, definendola inviolabile.  Vieta ogni forma di limitazione della libertà, quali forme di detenzione, di ispezione o perquisizione di tipo personale, a meno che questa non sia esperita da un'autorità secondo la legge.

Al secondo comma vengono regolati i casi eccezionali, in questa circostanza per garantire la pubblica sicurezza si possono adottare provvedimenti provvisori. I quali però se non vengono convalidati entro quarantotto ore dall'autorità giudiziaria sono automaticamente revocati.

Al terzo comma vengono vietati atti che porterebbero a violenza fisica e morale sulle persone anche se sottoposte a detenzione.

Infine all'ultimo comma viene demandato alla legge il tempo massimo di detenzione preventiva.



Ecco il testo: 
La libertà personale è inviolabile. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto motivato dell'autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla legge.

In casi eccezionali di necessità ed urgenza, indicati tassativamente dalla legge l'autorità di pubblica sicurezza può adottare provvedimenti provvisori, che devono essere comunicati entro quarantotto ore all'autorità giudiziaria e, se questa non li convalida nelle successive quarantotto ore, si intendono revocati e restano privi di ogni effetto.

è punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di libertà.

La legge stabilisce i limiti massimi della carcerazione preventiva.

Se vuoi consultare gli altri articoli della Costituzione, accedi all'area dedicata qui, oppure cerca dalla barra di ricerca.

Post Bottom Ad

Pagine